idendità di rivolta femmnile

7 Gennaio 2019 0 Di Feliciano Banotti

PER L’IDENTIFICAZIONE DI RIVOLTA FEMMINILE

Da parte della stampa e agli altri organi di diffusione si continua a ripetere il nome·di Elvira Banotti con l’appellativo di leader a proposito dei nostri gruppi.

Il gruppo di Rivolta Femminile di Roma, insieme ai gruppi di Milano, Torino, Genova, desidera con questo scritto rendere noto il più largamente possibile e ribadire quanto segue:

1)  Rivolta Femminile non ha leader e non l’ha mai avuto.

2) Rivolta Femminile non ha mai inteso provocare nè accettare un dialogo con il mondo maschile nemmeno in quelle occasioni in cui altre femministe partecipavano.

In Italia e in tutto il mondo le donne lavorano intorno al nascere di una• situazione femminista che noi riteniamo l’avvenimento più importante che si verifica nella storia in questo momento.La coscienza di un sorgere in tutti i punti della terra di un’infinità di gruppi femministi dà la possibilità e la garanzia di sperimentare tante maniere di espressione in modo che non avvenga un livellamento ideologico, ma che ogni individualità di gruppo abbia la calma per.manifestarsi nei suoi tempi e nelle sue scoperte in un clima di autenticità, a riparo da chi, non essendo affine, può stravolgerne il senso. Noi cerchiamo così di difenderci dalla ingenuità delle operazioni veloci.

Noi valutiamo la rivolta delle donne in una civiltà maschile.Rivolta Femminile non è un partito e non aspira a diventarlo: si esprime senza sacrificare niente nè dei punti di qualità individualmente raggiunti, nè dei punti in cui la donna viene inferiorizzata tradizionalmente .

Questo è un contenuto che le componenti di Rivolta Femminile sentono, senza fare operazioni culturali per capirlo. Noi non vogliamo fare un femminismo che si serva di qualsiasi comportamento c di qualsiasi azione: non accettiamo il rischio che può derivare da una diffusione fraintesa. Abbiamo gli scritti di Rivolta Femminile per comunicare, ed essi sono l’esempio di una forma di espressione con l’esterno corrispondente al nostro orgoglio.

Le componenti di Rivolta Femminile non considerano dunque facente parte di loro nè tanto meno leader una femminista che si muove con iniziative e presentazioni di sè in circostanze ufficiali di un dibattito nel mondo maschile, che provocano il fraintendimento di cui sopra.

Per lo stesso motivo non forniamo dati oggettivi composizione e sul nostro funzionamento fuori del femminismo:

nemmeno quelle ragazze che prcparano  “tesi” per l’Università .

Il rapporto del femminismo con le istituzioni della cultura maschile non è quello di mettere a dispos1zione dell’uomo notizie che gli permettano di sorvegliare le nostre mosse a mano a mano che le facciamo, con un servizio che facilita le operazioni dello studioso nei nostri confronti. Noi chiediamo alle ragazze non una “tesi ” che strumentalizza il lavoro delle femministe, ma un punto di arresto e di riflessione a contatto col femminismo da cui ricavare una nuova energia critica per intaccare le certezze dell’uomo dentro le roccaforti della sua cultura.

In questo momento,un anno e mezzo dalle prime riunioni di Rivolta Femminile dopo la pubblicazione del nostro Manifesto (luglio 1970), desideriamo non lasciare nell’incertezza la nostra identificazione:

quei gruppi formatisi in seguito a Rivolta Femminile, ma che si sono dati il nome di Collettivi di  Lotta Femminista non sono la nostra continuazione, come afferma R. Spagnoletti nel suo libro sui Movimenti femministi in Italia, perchè Rivolta Femminile esiste con i suoi gruppi di autocoscienza e ha hvuto scmpre una continuità di svolgimento sulle sue premesse. Con questo nei non neghiamo il dato di fatto che, sul nascere del femminismo, che ci unisca nell’entusiasmo con tante diversità che poi vanno separate per lasciare a ciascuno il suo inutile peso drammatico, e percio chiariamo: la miriade dei gruppi femministi per noi è la conferma che la differenziazione di ogni gruppo non è negativa poichè corrisponde alla scoperta della molteplicità  che  compone  il mondo femminile.

 

RIVOLTA FEMMINILE Roma , 4 Febbraio 1972

 

Roma, via del Babuino 164; Milano, via Monte di Pietà 1; Torino, via S.Francesco ; Genova, via.Fabrizi 9,